Post-Diario IL VIAGGIO

La mia più grande preoccupazione alla partenza erano proprio gli spostamenti.
Una volta vomitati dall’aereo all’aeroporto di Tokyo Narita, noi e i bagagli, saremmo riusciti minimamente a capire da che parte eravamo girati e raggiungere Kyoto?
Porsi questa domanda, ora lo so, significa non fidarsi del popolo nipponico.
Una delle prime cose che si notano in Giappone, già all’aeroporto, è la presenza di figure lavorative che ad un occidentale possono apparire superflue. Un omino in divisa indicava lo sportello della dogana che si liberava per primo a cui accodarsi ( dove tra l’altro ci hanno preso le impronte digitali e fotografati), una donnina in divisa in prossimità della scala mobile indicava la scala mobile inchinandosi e dicendo “Prego”,e così via in tutta la stazione sotterranea dell’aeroporto.
Insomma, un tripudio di figure in divisa (quasi tutte coi guantini, tengo a precisare) che apparentemente erano molto impegnate e serie nel loro lavoro, a noi incomprensibile.
E qui la risposta alla mia prima preoccupazione: una volta che si chiedeva ad una di queste figure (ancora non ho capito se di servizi pubblici o privati) una qualsiasi indicazione, questa si faceva in quattro per aiutarti; non per il ruolo che assumeva, ma perchè i giapponesi la disponibilità, la gentilezza e l’ospitalità ce l’hanno nel dna. Mi ricordo che una volta ad Osaka non riuscivo a trovare omini o donnine con i guantini nei dintorni a cui chiedere indicazioni, e una ragazza vedendomi sperduta si è fermata per chiedermi se avevo bisogno di aiuto: si è informata per me e mi ha accompagnata al binario giusto.
In conclusione, viaggiare in treno per il Giappone è decisamente facile, sia per l’aiuto che si può ricevere, sia naturalmente per la puntualità dei treni, che spaccano il secondo.

il popolo in viaggio

torre di kyoto

La torre di Kyoto, davanti alla stazione centrale.

Durante il viaggio in aereo passando sopra la Siberia abbiamo visto l’aurora boreale e una lacrimuccia di commozione mi è scesa lungo la guancia. Ahimè le foto non sono venute.

Annunci

Tag:

3 Risposte to “Post-Diario IL VIAGGIO”

  1. bodhisattva Says:

    NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO Patrizia Chan anche l’aurora hai visto !!!!!! stupendo!!!!!!!

  2. nientedinuovo Says:

    E’ veramente stupenda, si 🙂
    E qui dichiaro che ti dedico le foto di tutti i buddhini che appariranno! 😉

  3. bodhisattva Says:

    NOOOOOO !!!!! grazieeeeeeeee che bello ihihihihih avranno tutti la pancettona come me ? ahahhahahaha mitica Patrizia sama!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: