Archive for the ‘Parole’ Category

Gente strana

marzo 22, 2011

sottotitolo: il mondo è bello perchè è vario

Al mondo c’è gente…

che indossa una divisa;
che non fa l’amore perchè segue i dettami di una religione;
che passa ore e ore davanti ad un elettrodomestico;
che si butta giù da un burrone con un parapendio;
che si butta giù da un burrone senza parapendio;
che parla la propria lingua schioccando la lingua;
(more…)

Paura

dicembre 21, 2009


165 giorni all’esecuzione.
La paura d’invecchiare, la paura di avere una malattia, la paura di morire, la paura di non piacere, di non essere amato, di non saper dire di no, la paura di essere inculato da un amico, la paura di puzzare, la paura di non avere figli, quella di averne e non avere niente da dirgli, la paura che tuo padre e tua madre muoiano, la paura della solitudine, la paura della folla, di rimanere chiuso in ascensore, di commettere un errore, la paura di partire, la paura di tornare, la paura d’ingrassare, la paura d’incontrarla dopo anni e che lei o lui non ti riconoscano, la paura di non avere futuro, la paura dell’orgasmo e di lasciarsi andare, la paura del mare, di rimanere intrappolato vivo in una tomba, la paura di essere preso in giro di fronte agli altri, la paura che il tuo bambino venga violentato, la paura di perdere i soldi, la paura di essere vestito male, di vivere in un quartiere di merda, la paura di non poter pagare l’affitto o la rata del mutuo, >

Puntini rossi

aprile 29, 2009

Uno dei motivi per cui mi porto sempre dietro la macchina fotografica è che non ho memoria. Operosa come una formichina scatto sempre ovunque, immortalo posti, persone, gite, cene, eventi.
Ieri sera ho lasciato la macchina fotografica a riposo nella borsa, non ne avevo bisogno.

Ieri sera ho rivisto un amico di vecchia data. Questo amico per la maggior parte dell’anno è un puntino rosso, o meglio, è rappresentabile come un puntino rosso, ma per fortuna ieri era di nuovo tutto di un pezzo, e tutto geometricamente ben articolato.
Ieri sera ho rivisto un amico di vecchia data, ma non sono del tutto sicura che lui abbia visto me, perchè quando l’ho incontrato (intorno alle otto e un quarto di sera) era già un po’ brillo, e quindi, nonostante non fosse un puntino, era comunque un pochino rosso.
Anche quando è rappresentabile come un puntino rosso sembra brillo, perchè si vede oscillare un po’ a casaccio in mezzo all’oceano. Intorno ai primi di maggio ridiventerà un puntino rosso, e a quanto ho capito ci rivedremo solo ad agosto. Per ora il puntino è rimasto solo ad aspettare, nella lontana Africa.
(more…)

-19 Giorni a Praga

novembre 28, 2007

L’organizzazione troppo precoce del viaggio comincia a far germogliare l’ansia nel mio cervellino bacato.

Il mio carattere è irrimediabilmente last minute: quando un viaggio viene programmato un mese prima significa che ha 30 giorni di tempo per finire con le gambe all’aria. Il modo migliore per affrontare un viaggio è quello di prenderlo alle spalle, sorprenderlo, di modo che prima che si accorga della propria esistenza te lo sia già messo in tasca, e il tuo culo sia già su un aereo.

Per affrontarlo con un mese di anticipo ci vuole preparazione, come per un esame.

hudba musica
kniha libro
obchod negozio
chléb pane

Ma ci vuole cautela con le parole. Giovanni Nepomuceno (o di Pomuk), santo del Silenzio, spunta da ogni angolo di Praga.

nepomuceno.jpg

La leggenda narra che il 16 maggio 1393 il canonico della cattedrale fu gettato nella Moldava per non aver rivelato al re Venceslao IV i segreti confessionali della moglie. La sua lingua venne ritrovata qualche secolo dopo da un’apposita giuria ecclesiastica (e intimamente brameremmo conoscerla questa giuria). L’Ordine controriformistico canonizzò il santo nel 1721 e da allora il 16 maggio è diventato giorno di pellegrinaggi. Nepomuceno rappresenta ora un protettore contro le inondazioni, gli annegamenti e le malelingue.A metà del ponte Carlo una targa ricorda il luogo del tuffo.

La storia di Jan Nepomucky è un poco diversa, come lo sono il motivo dei supplizi subiti e del lancio dal ponte. Ma questi sono fatti di scarsa rilevanza.